Raccomanda Onematch:

Un giorno senza un sorriso è un giorno perso.

Charlie chaplin

Iscriviti alla Newsletter per essere aggiornato sugli eventi di Onematch.








Cecilia Di foglio
36 secondi
 UP Animazione

Straniero ≠ domestico o badante

Correva l’anno 1972,
mia madre, emigrata in Italia due anni prima, si concede una vacanza per tornare al suo paese a riabbracciare i suoi cari che non vedeva già da tempo.
Quell’estate ,alle isole di capo verde, incontra un ragazzo se ne innamora e passa una vacanza meravigliosa tra emozionanti corse sulla sua moto e momenti di tenero affetto .
Terminati i giorni di ferie lei è costretta tristemente a prendere quell’aereo e tornare in terra straniera a lavorare sotto padrone.

Passano due mesi, ingenuamente si ritrova in attesa di un bambino, presa dall’euforia decide di fare quella telefonata internazionale che le rovina la vita… Lui in quei due pochi mesi di distanza aveva messo incinta un’altra donna..

…Sola ed abbandonata da tutti …compresi i familiari che amava tanto, che, considerandola una poco di buono ,si allontanano con una lettera confessandole di non volerne sapere nulla di lei.
Rasentando la depressione e non essendo a conoscenza della possibilità di abortire porta a termine la gravidanza.

Nasco così Io…. una bambina piena di gioia di vivere , allegra tenera e logorroica.
Mia madre con tanto sacrificio tenta di darmi tutto ciò che mi necessita per crescere sana ed istruita …riuscendoci male…in quanto quell’amarezza di una gravidanza indesiderata glielo leggevo tutti i giorni nei suoi occhi.

Ricostruendosi una vita con un altro uomo, che mi accoglie come una figlia, le cose non cambiano..anzi addirittura nasce una gelosia da parte sua per quanto questo uomo mi avesse preso a cuore.
Da questa Unione nascono i miei fratelli, un maschio Tre anni piu’
piccolo di me e una femmina con 5 anni di differenza.

Cresciamo come una famiglia normale, ma con una madre rabbiosa nei confronti della vita, non mancava occasione per sfogare questa rabbia attraverso schiaffi , linciate e …pugni…quante volte mi sono detta che se fosse esistito il telefono azzurro, lei sarebbe stata carcerata a vita per le contusioni a noi provocate …

Quante volte eravamo costretti a mentire agli insegnati di scuola dei nostri evidenti lividi in viso, essi stessi comprendendo non facevano domande, ma il loro disappunto era evidente.
Passano gli anni noi cresciamo in questo clima di terrore, io stessa contavo gli anni che mancavano alla maggiore età per scappare da questo incubo.

Finalmente arriva il fatidico giorno..28 marzo 1994 io compio 18 anni, dopo anni di completa dedizione alle faccende di casa, senza mai….. e dico mai!!!!!!partecipare ad una festa, una gita o a qualsiasi attività ludica decido di andarmene…e neanche i carabinieri , chiamati da mio padre in preda al panico ,mi fanno desistere dalla mia decisione.

Finalmente qualcuno dice quello che mi sono sognata in anni di clausura: ‘ LA RAGAZZA È MAGGIORENNE PUÒ DECIDERE DI FARE QUELLO CHE MEGLIO CREDE!!!
Quel giorno sono nata nuovamente…in quel preciso momento ho iniziato a vivere una nuova vita, piena di meravigliose decisioni indiscutibilmente mie e soltanto mie!!!

Oggi sono una donna ironicamente straniera, mamma di un bambino di 4 ,che per sfortunate vicissitudini cresco da sola, lavoratrice da sempre, affermata nel campo della ristorazione…con un discreto  tenore di vita , che mi ha portato a comprami da qualche anno una meravigliosa casetta…e con una grandissima gioia di vivere.

Non c’è giorno che io non mi alzi dal letto cin una grandissima gioia di vivere!!!

Vorrei che questa storia fosse d’ insegnamento a tutti voi.. A tutti coloro che trovano soluzione solo con l’aborto,

…… A tutti quelli che si compatiscono per un infanzia difficile, ……A tutti quelli che pensano…che essere stranieri significa  solamente essere domestici o badanti.

……a tutte quelle donne che pensano che ,se lasciano l’uomo che non amano piu, non ce la potranno fare da sole,
……a tutti quelli che dicono che la crisi non gli farà mai avere un mutuo.

A tutti noi….. è concessa una possibilità nella vita, ma non siamo in grado di distinguerla in quanto troppo presi a compatirci.

Una possibilità , un occasione , una decisione…..ONEMATCH!!!!!!

Martina

Lascia un Commento

WP-SpamFree by Pole Position Marketing




Inserisci la tua email qui sotto e scarica gratis l'ebook

Tu sei un Supereroe
Raccontami la tua storia
Hai una storia
da raccontare?

Raccontala qui
Foto fatte così
Hai una foto originale
da inviare?

Mandala qui
Categorie
Commenta l'ebook
Se hai letto l'ebook omaggio
"Tu sei un Supereroe"

lascia il tuo commento qui

Capo leader About Onematch (47)
Crescita Personale (45)
Eventi (18)
Foto fatte così.. (13)
Il tuo racconto (53)
Mylife (40)
Onematch People (26)
Shop (6)
Stacca la spina (8)
W i bambini (5)

WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck and Luke Morton requires Flash Player 9 or better.

Archivi